Abinvest Immobiliare – Agenzia Immobili di Lusso a Roma

Via Monte Zebio 32, Roma (zona Prati)

+39 06/3220999

dicembre 6, 2018

Acquistare la prima casa: le agevolazioni non riguardano gli immobili di prestigio

La nostra Agenzia Immobiliare di Roma Prati è specializzata nella compravendita di immobili di lusso a Roma ma trattiamo anche diversi immobili nelle categorie A2 e A3 di particolare interesse storico e pregio acquisito nel tempo.
Di seguito dunque andiamo a fare una sintesi di quelle che sono le nuove regole per l’acquisto della prima casa con le agevolazioni fiscali dell’Agenzia delle Entrate, nonostante siano esclusi gli A1.

Si può beneficiare delle agevolazioni di acquisto prima casa, perfino se si possiede già un immobile. Naturalmente ci sono delle condizioni da rispettare che riguardano il vecchio immobile. In particolare ce ne sono due, la prima è che l’immobile deve essere stato acquistato con le agevolazioni prima casa, la seconda condizione è che venga venduto entro l’anno dalla data dell’atto.

In cosa consistono le agevolazioni acquisto prima casa?

Quando si acquista un’abitazione, le agevolazioni acquisto prima casa, permettono di pagare imposte ridotte ma solo al cospetto di specifiche condizioni. Chi effettua un acquisto da un’impresa dove la vendita è soggetta a IVA, deve versare l’imposta sul valore aggiunto che corrisponde al 4% invece del 10% . Questa viene determinata sul prezzo della cessione. Per le imposte di registro, ipotecaria e catastale si devono pagare 200 euro ciascuna. Per chi invece effettua un acquisto da un’azienda dove la vendita è esente dall’IVA oppure direttamente da un privato, l’imposta di registro da pagare, sul valore catastale dell’immobile è del 2% piuttosto che del 9%. Per quanto riguarda le imposte catastale e ipotecaria devono essere versati 50 euro ciascuna.

A chi è rivolta l’agevolazione acquisto prima casa?

Il compratore non deve aver acquistato un altro immobile con la stessa agevolazione. Nel caso contrario deve assolutamente vendere l’immobile vecchio entro l’anno dal nuovo acquisto. Oltre a ciò l’acquirente deve possedere la residenza nel Comune in cui si trova l’immobile. Questa operazione deve essere fatta entro un anno e mezzo dall’acquisto. Nell’eventualità che il compratore, in sede di registrazione dell’atto, dichiari il falso, oppure non effettui la residenza nei tempi previsti decade l’agevolazione. Per di più perde le agevolazioni se vende la casa prima che siano trascorsi cinque anni dalla data di acquisto. Per fare ciò, non più tardi di un anno, deve aver proceduto con l’acquisto di un’altra casa che verrà utilizzata come abitazione principale. Di conseguenza gli sarà inflitta una sanzione che corrisponde al 30% delle stesse imposte, più il pagamento degli interessi di mora. Oltre a ciò se l’acquisto dell’immobile è stato soggetto a IVA, il compratore deve dare la differenza d’imposta non versata che corrisponde sempre al 30% della differenza medesima, più il pagamento degli interessi di mora.

Quali sono gli immobili consentiti

Come viene riportato nel sito dell’Agenzia delle Entrate, gli immobili che sono riconosciuti dall’agevolazione sono :

  • A/2: abitazioni di tipo civile;
  • A/3: abitazioni di tipo economico;
  • A/4: abitazioni di tipo popolare;
  • A/5: abitazione di tipo ultra popolare;
  • A/6: abitazione di tipo rurale;
  • A/7: abitazioni in villini;
  • A/11: abitazioni e alloggi tipici dei luoghi.

C’è da aggiungere che sono previste anche le agevolazioni riguardanti l’acquisto delle pertinenze che si distinguono nelle categorie catastali:

  • C/2: magazzini e locali di deposito;
  • C/6: per esempio rimesse e autorimesse;
  • C/7: trattorie chiuse o aperte.

In specifico la pertinenza deve essere stata comprata usufruendo dell’agevolazione prima casa, e deve essere a servizio dell’alloggio principale.

Bonus casa 2019

Per il 2019 ci saranno delle novità riguardo la detrazione fiscale IRPEF.
In specifico interessano le ristrutturazioni, il Sismabonus, il risparmio energetico Ecobonus e l’assetto e la rivalorizzazione del verde urbano.
Ulteriormente sono stati prorogati i bonus casa 2019 fino al mese di dicembre, che esattamente fanno riferimento ai lavori in casa, ovvero sono:

  • Bonus mobili ed elettrodomestici;
  • Ecobonus di cui fa parte il bonus per il risparmio energetico;
  • Bonus condominio che riguardano solamente le operazioni di Sismabonus ed Ecobonus;
  • Sismabonus;
  • Bonus ristrutturazione.

Per di più ci sono i bonus caldaie che sono compresi nell’Ecobonus, e i bonus finestre e infissi che sono incluse sia nel bonus ristrutturazioni che nell’Ecobonus. Poi c’è il bonus zanzariere e bonus tende da sole e da interni. Negli ultimi anni visto il susseguirsi di eventi naturali, come i terremoti, è molto interessante prendere in considerazione il Sismabonus che prevede una detrazione che va dal 70 all’80% per le case, e invece per i condomini è prevista una detrazione superiore che va dal 75 all’85%.

Come fare richiesta del bonus prima casa

Al momento della stipula dell’atto, al notaio si dovrà rendere una dichiarazione sostitutiva di certificazione, dove verrà indicato che si è residenti nel Comune in cui è collocato l’immobile o che comunque si intende farlo entro i diciotto mesi dalla data di acquisto. Per di più si dovrà dichiarare che non si possiedono altri immobili e di essere a conoscenza delle conseguenze fiscali nel caso in cui si vendesse l’immobile prima che siano passati cinque anni dalla data di acquisto. Nel caso appunto in cui non si possedessero questi requisiti le agevolazioni non potranno essere attribuite.

Immobili di Lusso Roma
Abinvest Immobiliare
About Abinvest Immobiliare
L’Abinvest Immobiliare è un'agenzia immobiliare di Roma, specializzata nella vendita e locazione di immobili di prestigio. Nasce nel 1995 dall’aspirazione di Fabrizio Cordova, attivo nel settore già dai primi anni ottanta, di creare un gruppo che si differenziasse da quelli già esistenti nel panorama romano.